Salta il menu e vai al testo della pagina

Il blog sul mondo delle stampanti e dei consumabili per la stampa.

Feed RSS

Cerca su stampanti.eu

Articoli in rilievo

Archivio per Produttori

Archivio per Tecnologie

Archivio per Funzione

Siti utili

Testo della pagina:
  • 4 lug 2007

    HP Photosmart D7260, D7460 e C5280 All-in-One

    HP Photosmart D7460La gamma delle stampanti fotografiche HP Photosmart si allarga con 3 nuovi modelli disponibili a breve.

    Da ottobre 2007 le stampanti a 6 colori HP Photosmart D7260 e , permetteranno di stampare fotografie di alta qualità in soli 10 secondi. Come ormai di consuetudine per questa fascia di prodotti, le stampanti saranno dotate anche di un pratico schermo LCD a colori da 3,5 pollici per gestire con facilità le fotografie e le funzioni anche senza il PC. HP Photosmart D7460 (nella foto) offre in più la connettività Ethernet e Wireless integrate.

    Da luglio 2007 invece, al prezzo consigliato di 149 Euro, si inserisce nella gamma anche HP Photosmart C5280 All-in-One con la particolarità di poter stampare direttamente su CD o DVD disegni, immagini, copertine o quant’altro vorremo creare per personalizzare per esempio la nostra ultima compilation o la raccolta di fotografie.

    Salva e condividi : Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Digg
    • del.icio.us
    • Segnalo
    • OkNotizie
    • Technorati
    • Furl

    Scritto da Raffaele Staiano e pubblicato il 4 luglio 2007 alle 1:47 | URL per il Trackback | 2 Commenti »
  • 4 lug 2007

    Il nuovo blog HP dedicato alla stampa inkjet

    Da un paio di settimane Hewlett Packard ha inaugurato un nuovo blog, in inglese come tutti gli altri, dedicato al settore della stampa. Inkjet Printing Blog si aggiunge ai già esistenti Enterprise e LaserJet e si propone come un luogo dove lasciare la parola ai propri esperti di stampa a getto d’inchiostro su tutti i temi che la riguardano. Dateci un occhiata, magari partendo dal simpatico post di introduzione.

    Salva e condividi : Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Digg
    • del.icio.us
    • Segnalo
    • OkNotizie
    • Technorati
    • Furl

    Categorie: HP, Inkjet, Novità
    Scritto da Raffaele Staiano e pubblicato il 4 luglio 2007 alle 1:24 | URL per il Trackback | Scrivi il primo commento »
  • 2 lug 2007

    Come funziona la stampa inkjet

    L’inkjet è un sistema di stampa a basso costo leader nel segmento delle stampanti per la casa e i piccoli uffici. La testina di stampa si muove orizzontalmente sulla carta portando con sè la cartuccia (o le cartucce) mentre l’inchiostro viene spruzzato da ugelli minuscoli. Ogni ugello contiene una goccia d’inchiostro che viene riscaldata elettricamente fino a un punto definito di ebollizione che la fa scoppiare. Al momento dello scoppio l’inchiostro fuoriesce da un foro posto anteriormente atterrando sulla carta. Successivamente l’ugello viene raffreddato e grazie al vuoto creato da dalla goccia in uscita ne viene risucchia un’altra dal serbatoio d’inchiostro. La velocità di stampa di una stampante è quindi influenzata dalla velocità di questo processo.


    Questo articolo fa parte della rubrica “Domande e risposte sulle stampanti e le cartucce” che risponde alle domande che ci avete posto via email o che abbiamo ricavato dall’analisi delle chiavi che dai motori di ricerca vi hanno portato al nostro blog.

    Salva e condividi : Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Digg
    • del.icio.us
    • Segnalo
    • OkNotizie
    • Technorati
    • Furl

    Categorie: Inkjet
    Scritto da Raffaele Staiano e pubblicato il 2 luglio 2007 alle 2:21 | URL per il Trackback | 3 Commenti »
  • 2 lug 2007

    Il nuovo chip anti-compatibili

    Logo aziendale Cryptography Research Inc.C’è una nuova arma a favore dei produttori di stampanti nella loro eterna lotta con i produttori di cartucce compatibili. L’azienda americana Cryptography Research sta approntando un microchip in grado di offuscare con un alto grado di complessità le funzionalità dei chip posti sulle cartucce inkjet in modo da rendere molto difficile il lavoro di clonazione degli stessi per poi produrre le cartucce compatibili. CryptoFirewall, questo il nome del chip, utilizza codici generati casualmente per ogni singola cartuccia ed è pensato per sfruttare procedimenti industriali già adottati dai produttori, rendendolo molto appetibile ai loro occhi per la sua economicità. Sappiamo tutti però che spesso ad un’altisonante comparsa di una nuova tecnologia di protezione definita impenetrabile è seguito pochi mesi dopo il contro annuncio dell’avvenuta elusione del sistema. I produttori di cartucce originali, pur difendendo i loro interessi, devono valutare attentamente le possibili ripercussioni che comporterebbe l’adottare una tecnologia simile. Non è impensabile infatti ipotizzare un effetto boomerang che porterebbe al crollo degli acquisti delle stampanti di quel produttore che impedisce l’acquisto di cartucce non originali a favore di quelle che permettono l’acquisto di cartucce più economiche. Non ci resta che aspettare i primi mesi del 2008 ed osservare l’evolversi della faccenda.

    Via Punto Informatico

    Salva e condividi : Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Digg
    • del.icio.us
    • Segnalo
    • OkNotizie
    • Technorati
    • Furl

    Categorie: Inkjet, Novità, Software
    Scritto da Raffaele Staiano e pubblicato il 2 luglio 2007 alle 2:16 | URL per il Trackback | Scrivi il primo commento »
  • 2 lug 2007

    Come è composta una cartuccia inkjet

    Le cartucce inkjet o a getto d’inchiostro sono composte da pochissimi componenti fondamentali e si dividono principalmente in due categorie: quelle composte dal solo serbatoio dell’inchiostro e quelle che incorporano anche la testina di stampa, quest’ultime presentano un chip ben visibile sulla cartuccia. Per comprendere facilmente la differenza, esempi delle due tipologie sono rispettivamente le cartucce inkjet Epson e quelle HP. Le cartucce con il solo serbatoio presentano quindi un vantaggio economico dato dalla non sostituzione della testina, la quale però potrebbe offrire nel tempo una resa inferiore rispetto a quelle sempre nuove delle cartucce che la incorporano.


    Questo articolo fa parte della rubrica “Domande e risposte sulle stampanti e le cartucce” che risponde alle domande che ci avete posto via email o che abbiamo ricavato dall’analisi delle chiavi che dai motori di ricerca vi hanno portato al nostro blog.

    Salva e condividi : Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Digg
    • del.icio.us
    • Segnalo
    • OkNotizie
    • Technorati
    • Furl

    Categorie: Inkjet
    Scritto da Raffaele Staiano e pubblicato il 2 luglio 2007 alle 2:06 | URL per il Trackback | Scrivi il primo commento »
Realizzazione siti internet e posizionamento in prima pagina su Google di Staiano Raffaele
I contenuti sono distribuiti con la licenza Creative Commons, salvo ove diversamente specificato.
Per informazioni info@staiano.org - Piattaforma basata su Wordpress - Torna a inizio pagina